E’ una delle prime scoperte la benda, è il primo regalo, solo all’apparenza insignificante, che un Master fa alla propria schiava. La prima volta che indossi la benda è indimenticabile, proprio perché è “una prima volta”.  Non è un’azione che induce un piacere comune, è una reazione speciale, sai che quello che stai provando, per la prima volta è il Piacere. Avere gli occhi bendati ha il potere di esaltare tutti gli altri sensi, come ha scritto Master R, e per una schiava, la benda ha  la potenza  di liberarli.Come se, dal momento che non puoi vedere quello che tocchi, non puoi guardare quello che senti, non puoi sapere cosa ti si lascerà gustare, tatto, udito e gusto, siano  liberi di sovrapporsi, l’uno all’altro, di confondersi.  

occhi bendati
occhi bendati

Indossando  la benda impari presto il che senso che si inganna più facilmente e con cui un Master gioca facile è l’udito. Cieca, cerchi di indovinare i passi per capire se arriverà da dietro, da destra, ma lui, facilmente ne confonde il rumore, puo’ camminare in tondo, far credere di essere uscito, e non c’è sorpresa più eccitante di sentirsi avvicinare, di sentirsi toccare, proprio dove le nostre orecchie non lo credevano possibile.

Ma il gioco, con i sensi si può facilmente comprendere, e può appartenere all’immaginario erotico non necessariamente legato ai rapporti di Dominazione/sottomissione. Quello che invece è più difficile da capire, per chi non ha vissuto queste fantasie, è quanto la benda, oltre i sensi , riesca a liberare l’animo, il piacere, il corpo, il nostro intimo. Con la benda, sei cieca, hai accettato di rinunciare a guardare, hai accettato di cedere la potenza di vedere, hai messo i tuoi occhi in quelli del tuo Master, ed è solo dai suoi occhi che ti è concesso  guardare.

Ma cosa vede un Master?

Un Master vede nella sua schiava la realizzazione dei desideri di entrambi. Un Master guarda nella carne della sua schiava il suo desiderio, l’appagamento, il culmine del piacere.  In lei vede la bellezza dei suoi occhi impotenti, sente i sensi di cui è padrone, gode di quel corpo alla sua mercè.

No Banner to display

E tutto questo agli occhi di un master non può che essere la visione, la realizzazione del sublime.

Ecco che la schiava dall’impotenza della cecità passa al delirio di essere l’oggetto del Sublime e finalmente il piacere non ha più incertezze, il corpo lascia cadere ogni vergogna, gli occhi non vedono più difetti, l’intimità è mostrata.

Gli occhi al buio hanno la capacità di liberare il piacere.

Quella della benda, è una magia che si replica ogni volta, è l’incantesimo che ti permettere di trasformarti nel tuo ruolo, è il sortilegio che ti rende schiava e ti bagna in mezzo alle cosce.

E Master R lo ricorda bene, quando, pur opponendo strenue resistenze, solo ubbidendo all’ordine di indossare la benda, la mia volontà cedeva, sopraffatta da capezzoli turgidi.

E tutte le volte, il gioco iniziava.

 


Share:

Desiderosamente

Leave a Comment

ATTENZIONE: Contenuti per Aduti!
Desiderosamente.it NON contiene pornografia, ma per i temi trattati devi comunque essere MAGGIORENNE per entrare! Scegliendo ENTRA, dichiari di avere più di 18 anni!