frusta

Frusta: solo a pronunciare questa parola la mente va subito a quello strano piacere che scaturisce dal dolore. Ma come per molti altri accessori usati nel BDSM, fermarsi, per così dire, alle apparenze sarebbe riduttivo. Proviamo  a capire quali significati, valenze, e soprattutto sensazioni, prescindendo quelle più fisiche legate al dolore, si trovano dietro a questo evocativo accessorio.  La frusta è forse l’oggetto che meglio connota i giochi BDSM. Se infatti, l’atto del frustare, per esempio con una cintura o altri oggetti di uso comune, non necessariamente è collegato a giochi di Dominazione / sottomissione, ma può essere parte di trasgressivi giochi erotici, farlo con una frusta o anche semplicemente impugnarla, significa di certo colorare il gioco senza sfumature. Ecco che allora la frusta, prima che uno strumento di punizione, è un oggetto che si carica di potenti significati.

frusta Strumento di potere nelle mani di chi è nel ruolo dominante, ha la stessa funzione di uno scettro per un re (non a caso,  nei faraoni egizi il flagello costituisce proprio lo scettro – fonte La gabbia.com) appaga in un certo senso attesta la brama di dominio .

Nel sub, la frusta genera profondi desideri, non è infatti raro, sapere di persone nel ruolo di sottomissione che scoprono la propria indole sentendosi terribilmente attratte da questo oggetto anche quando non è inserito in contesti specificatamente sensuali.

La frusta, proprio come succede per moltissimi altri accessori, si carica di fortissime valenze fetish. Chi ama giocare con questi oggetti, in genere, li sceglie di fattezze e materiali particolari e pregiati, se ne prende direttamente cura e fa parte di tutto quello che rientra nell’estetica BDSM.  Quello che chi non pratica giochi di dominazione/ sottomissione forse non sa infatti,  è che esistono fruste, come per esempio i flogger in latex, che non provocano sensazioni di dolore. Il gioco e il loro uso, è allora solamente finalizzato per esempio all’atto in se di punire o di frustare, solamente per il significato che questa azione assume nel gioco.

Potenti e prepotenti, sono le sensazioni che si provano, sia dal punto di vista di chi conduce il gioco, sia da quello di chi lo subisce, soltanto a far frusciare o sentire il frusciare di una frusta. Il sibilo che certe tipologie, peraltro poco usate, producono, il brivido di percepirne il tocco sul corpo, la carezza sensuale che regalano e quel timore che inevitabilmente generano, anche quando il gioco e la tipologia di frusta non prevedono punizioni legate a sensazioni di dolore, sono emozioni capaci di generare profondi desideri e grande eccitazione.

Anche la scelta del tipo di frusta, nasconde in se diversi significati ed è in grado di connotare e lasciare intendere, molto più di molte parole, quali sono le caratteristiche, i desideri di chi domina e  la direzione che prenderà la sessione BDSM.

Perfino il lessico, molto usato ed evocativo nei racconti di genere, è di particolare fascino quando è legato a descrizioni che abbiano al centro le diverse tipologie di frusta. Verbi come brandire, impugnare, stringere in pugno, arricchiscono e  rendono immediatamente il significato di potenza, di potere,   mentre sibilare, frusciare, sferzare contribuiscono a aumentare le sensazioni con seducenti riferimenti uditivi per culminare con le azioni di  frustare, percuotere, fustigare.

Più complessi, e di certo più collegati a sensazioni fisiche legate al dolore sono i significati che correlano direttamente la frusta alla punizione e al bisogno / desiderio di catarsi.

Proprio come il collare, per le emozioni, le sensazioni e soprattutto i codici legati a una comunicazione non verbale e intima anche la frusta è un’icona che si può far rientrare nella semiotica del BDSM.

No Banner to display


Share:

Desiderosamente

Leave a Comment

ATTENZIONE: Contenuti per Aduti!
Desiderosamente.it NON contiene pornografia, ma per i temi trattati devi comunque essere MAGGIORENNE per entrare! Scegliendo ENTRA, dichiari di avere più di 18 anni!