bocca perle

Dopo la deriva #2

di Francesca Mazzucato

LE PAROLE DELLA PASSIONE

Je peux endurer la colère, je peux encaisser la souffrance, la jouissance dans les larmes ou l’abandon bienheureux.
Je peux désirer votre corps dans l’anodin, humide encore de la douche, ou parfumé de sel.
Je peux entendre vos mots crus, m’émouvoir de vos mains rudes, laisser mes soupirs devenir cris.

Quand vos doigts me fouillent,
quand votre bouche me dévore,
quand votre dos tremble, soubresauts merveilleux des inconsciences volontaires.

Nora Gaspard

Cosa accade dopo la deriva? Cosa accade quando sono altre mani a produrre i soprassalti, altri desideri ad essere condivisi con le parole usuali e voraci?
Si riaccende per caso un cellulare che conteneva tutto.
È accaduto questa estate e, ritrovando tutti i tuoi messaggi, Andrea, ricopiandoli, mi sono bloccata, è riemersa ogni cosa.
La passione che sconfina in ossessione, il mio bisogno, la tua voglia frenetica, combaciante, i frammenti delle nostre vite uniti in incredibili rincorse.
E la città, la città si faceva carnale, più che complice, Zurigo, ed è rimasta così, e i miei progetti e le prospettive sono sempre stati legati a doppio filo al fiume femmina e al suo scorrere, agli echi delle tue parole, a quel segreto che io ho reso troppo pubblico, troppo “svelato”, perché tu lo potessi accettare.
Togliere i veli, per arrivare al nucleo, arrivare al punto dove fa male davvero, non rimanere indenni, non lasciare alla penombra la celebrazione di quello che contava ( i tuoi morsi, la tua cintura che mi bloccava, la mia bocca che ti voleva ancora e ancora).
Ho svelato, ho “posato” le parole di una passione ricopiando i fantasmi di quello che è stato e questo eBook è in classifica da mesi. “Andrea. Le parole di una passione”.
Mi scrivono donne, ragazze, uomini. Si complimentano per il coraggio, si identificano, mi chiedono e poi? Dopo il sogno, dopo l’ultima email, cosa è stato?

A questo scritto carico di amore e dolore, indivisi e capaci ancora di scheggiare una parte di me ho dedicato questo booktrailer, che è nato oggi, al quale ho dedicato la mattina di questo giorno ponte, di questo mercoledì di passaggio.
Un video-tributo che presento qui, su Desiderosamente, il luogo logico e necessario per dargli casa.
( e dopo, dopo ho fatto un biglietto per Zurigo e ho prenotato l’hotel usuale, quasi-casa, per il mio compleanno, due giorni ritagliati a dicembre, ma era stato, l’ultima volta, troppo dolente il congedo, perché anche se tu non ci sei, c’è una città che mi accoglie, nuovi amici, amanti, una musica diversa, e sempre speciale)

Sull’eBook

Non c’è stato un prima. Erano destinati, senza scampo: fra loro è stata necessità, perfetta follia. Non ci sarà un dopo che possa vagamente somigliare a quello che hanno vissuto i protagonisti di questa storia. Su un Frecciarossa, quando si incontrarono per la prima volta, vicino al lago di Zurigo,dopo, in camere d’albergo che diventavano casa,durante i mesi di desiderio e amore, esplorando penombre e piaceri di ogni tipo. Lei, bendata, abbandonata, sua. Lui che le chiedeva di ripetere e ripetere ancora ;”Il mio corpo ti appartiene”. Lei che gli ubbidiva. La passione, così violenta, così indecente, la passione cercava strade e rinasceva nelle parole. Quante. Centinaia di email. E, un giorno, gli sms ritrovati come si trovano vecchie lettere raccolte e nascoste in soffitta, un giorno in cui un cellulare riprende a funzionare per caso. Aveva serbato tutto. Messaggi di gioia, brevi saluti, desideri, urgenze. Una lettura intima, una radiografia della passione, della sottomissione, del bisogno dell’altro, della ricerca di unicità nel contemporaneo. Questo ebook si ispira ad una storia vera.

Disponibile in tutti gli store on line


Was This Post Helpful:

0 votes, 0 avg. rating

Share:

Desiderosamente

Leave a Comment

ATTENZIONE: Contenuti per Aduti!
Desiderosamente.it NON contiene pornografia, ma per i temi trattati devi comunque essere MAGGIORENNE per entrare! Scegliendo ENTRA, dichiari di avere più di 18 anni!