rosa

#Deriva del sogno. Zurigo blu

di Francesca Mazzucato

“Ce fut plutôt une impression:celle que son histoire à elle s’arrêterait avec lui. C’était comme si elle regardait sa mort..” Catherine Guillebaud

Ti volevo sposare d’inverno,lo sai? [non potevamo,non potremmo].
Ma io.
Ti volevo sul ciglio e nell’oscurità, aperta e fragile, senza difese e senza timori, ma sognavo di sposarti d’inverno, magnificamente indecente,[sontuosa],col vestito di pizzo scollato ,i piedi scalzi, la collana lunga. Che solo guardarla sul mio corpo ti avrebbe eccitato, emozionato ed infranto.
rosa Sognavo di sposarti, con l’inverno,l’incanto, la tua mano stretta ,io inerme e senza frantumi.
Avrei avuto in mano moltissime rose, tutte bianche. Una sola, color sangue,nel centro del mazzo, a ricordare.
Ti volevo davvero sposare, sul lago, per sedare la paura che provavo lontana dalla tua bocca. Sono ancora così, Andrea, traboccante, danneggiata, incantata ogni tanto da sussulti di memorie precise, come fotografie digitali ad alta risoluzione.[tu,dentro di me,tu che mi intimi di modulare il respiro].
Sono ancora così, Andrea, sposo mancato, esasperato amante. Con l’ansia e l’incanto, il sudore, il subbuglio, e tutto il tormento. Fuori, se riesco, fingo.Ma mi manca quel talento.Quella sapienza della mistificazione.
Io sono per l’irragionevole. Fuori misura, generosamente scomposta.

A volte ancora ti scrivo.
Ho ritrovato tracce precise del passato.
Le sto plasmando.Cerco una forma.
E così resti. Ancora,dentro.

In uscita dalla prossima settimana l’ebook:

“Romanza di Zurigo. Edizione aggiornata con appendice”.Cahier di viaggio. Historica edizioni

Romanza di Zurigo


Was This Post Helpful:

0 votes, 0 avg. rating

Share:

Desiderosamente

Leave a Comment

ATTENZIONE: Contenuti per Aduti!
Desiderosamente.it NON contiene pornografia, ma per i temi trattati devi comunque essere MAGGIORENNE per entrare! Scegliendo ENTRA, dichiari di avere più di 18 anni!