lapassionediornella_m

Nina Vanigli ne La passione di Ornella declina molti  dei vari significati della parola passione. Si va dalla passione erotica che coinvolge i sensi, passando per quella  che trascende il controllo, fino alla passione che travolge e inevitabilmente diventa appassionata sofferenza. Con una scrittura asciutta, a tratti cruda, obbliga  il lettore ad entrare nei meandri più intimi della protagonista. Niente di Ornella infatti, viene nascosto, né i suoi pensieri, né il suo corpo, ne tantomeno come lo usa o lo lascia usare.

In meno di un centinaio di pagine, passa molta della vita della protagonista. Un’ esistenza banale, una donna che vive del riflesso della sua passione, che guarda se stessa nascondersi e nonostante ciò esistere solo nell’ombra del suo uomo. Alessandro, il biondo dal cazzo cattivo, più che un personaggio è un desiderio, una tensione erotica, qualcosa che nonostante sia lì, presente e prestante, realizza ed incarna un infinito a cui tendere senza mai soddisfarsi. Ed è proprio la dicotomia tra la soddisfazione sessuale e quella sentimentale della protagonista, a dare senso alla narrazione, ad appassionare il lettore, a tenerlo sulla pagina, a costringerlo a chiedersi cosa e ancora dovrà succedere con  Alessandro perché la fame di Ornella, dal corpo sempre più magro, si appaghi e si plachi.

La tensione erotica domina la narrazione, quasi sempre con un linguaggio minuzioso, senza fronzoli, in una scrittura come votata più a descrivere in modo obiettivo che ad eccitare, ma che coinvolge ed appassiona suo malgrado. Tutta la storia è scandita dalla descrizione di situazioni erotiche, i personaggi e le loro relazioni,  si evolvono  per fasi sessuali dove i sentimenti, che quando sono dichiarati sono solo espressi dalla protagonista, fanno da contorno, relegati alla fine, costretti ad esprimersi dopo la conclusione dell’atto sessuale ed hanno il sapore stanco e amaro della sigaretta dopo il sesso.

La passione che coinvolge e travolge Ornella è restituita al lettore come autentica e quello che colpisce e fa amare la protagonista è che mai, abbiamo l’impressione che si risparmi, che menta nascondendosi dietro ad una scusante, ad una giustificazione, per apparire meno misera e miseramente appassionata di come è realmente.

Solo dopo tutto questo Ornella, diventa un personaggio da amare, una donna reale, un’amica, una parte di noi, che vorremmo difendere dalla malia che esercitano le passioni necessarie ed ineluttabili.

Edito da Lettere Animate Editore, La passione di Ornella è disponibile in libreria.

Questo il link per chi volesse conoscere meglio l’autrice Nina Vanigli

bann


Share:

Desiderosamente

Leave a Comment

ATTENZIONE: Contenuti per Aduti!
Desiderosamente.it NON contiene pornografia, ma per i temi trattati devi comunque essere MAGGIORENNE per entrare! Scegliendo ENTRA, dichiari di avere più di 18 anni!