porno

Donne e sessualità: cosa si nasconde davvero nei letti delle donne.

Perfettamente divise e in preda ad una dicotomia quasi ancestrale tra spose e troie, le donne fanno ancora fatica a prendere una posizione, o meglio a vivere una sensualità e una sessualità libera, consapevole, unica e personale. Divise, pure abbastanza equamente tra milf senza scrupoli, assatanate di sesso e donne dall’aspetto e dai comportamenti sessuali per bene, sempre che così si possano definire, invece di esprimere i loro desideri e di vivere la sessualità che vogliono, stanno ancora a chiedersi come trovare un equilibrio tra la propria soddisfazione e quella che la società (leggi gli uomini) si aspetta da loro.

pornoEcco che il letto, ovviamente metaforicamente inteso come luogo in cui esprimere e soddisfare i proprio bisogni e desideri, diventa l’ennesimo luogo di scontro, di dissidio. E finchè ci si ferma alle fantasie un po’ hard, si parla di se e di ma, della possibilità di esprimere se stesse e la propria identità, sempre opportunamente filtrata ovviamente, questa divisione si fa meno netta. Tanto per spiegarci meglio, quando si parla di erotismo e dei desideri ad esso legati, le differenze si fanno più sfumate, davanti al porno invece ci si trova al cospetto di un bella linea, che demarca in modo inequivocabile, le donne che si dichiarano e magari lo sono, disinibite, e quelle che non vogliono neanche toccare l’argomento.

Le nostre lettrici abituali avranno sicuramente notato il leggero cambio di rotta verso un erotismo più ardito che a tratti sconfina nell’ xxx. Questo cambiamento, a parte le considerazioni sull’apprezzamento o meno della nuova linea, ha scaturito un contatto da parte di una nostra lettrice che è l’ispirazione di questo articolo.

“odio il porno, mi fa schifo la divisione delle donne in brunette, tettone, ecc e non sopporto i video casalinghi ne tutto quanto rientra nell’ amatoriale eppure ho una sessualità normale, anzi ho avuto anche esperienze abbastanza trasgressive, ma il porno proprio non mi va giù. Secondo voi perché?”

E se pensate che stiamo cadendo nella trappola di rispondere, magari invitando la nostra lettrice a vedere i lati buoni dell’industria dell’intrattenimento per adulti e tutto quanto di eccitante si porta dietro, state sbagliando.

La domanda la facciamo noi a voi (e alla nostra lettrice): Davvero il rapporto con la propria sessualità, la misura della soddisfazione e del grado di libertà si misura prendendo come riferimento il gradimento della pornografia?

Perché davanti al porno le donne non riescono ancora ad essere serene. E’ così importante decidere di essere porno si o porno no? E se sì, perché?


Was This Post Helpful:

0 votes, 0 avg. rating

Tags:
Share:

Desiderosamente

Leave a Comment

ATTENZIONE: Contenuti per Aduti!
Desiderosamente.it NON contiene pornografia, ma per i temi trattati devi comunque essere MAGGIORENNE per entrare! Scegliendo ENTRA, dichiari di avere più di 18 anni!